venerdì 31 luglio 2015

Incontri speciali: l'artista Marina Rapone ferma la sabbia nel tempo

Chissà se è un caso che il destino voglia che la mia strada da "scrittrice" si incroci con artiste davvero speciali di nome Marina.

Entrambi pittrici, questa volta, mai nome poteva rivelarsi più appropriato: Marina Rapone ha bisogno del mare e del modo in cui disegna onde perfette sulla sabbia, per poter esprimere la sua arte.

La sabbia è il suo ingrediente speciale

Scopro l'arte di Marina Rapone rimanendo letteralmente rapita da uno dei suoi quadri esposti all'interno del concept store Mad Zone. Lo fotografo per portarlo con me, lo condivido sui miei canali social ed è così che io e Marina facciamo conoscenza reciproca.

Marina Rapone su Instagram
Non mi ero soffermata a pensare quanto il fatto che mi piacesse tanto quel quadro potesse voler dire che mi piacesse anche l'anima e tutto quello che di affine a me ho trovato in quest'artista speciale.

Eppure avrei dovuto impararlo: le anime simili si riconoscono, si capiscono, si cercano.

Marina per certi aspetti è come me: ha due figli adolescenti, ma conserva ancora la purezza di una bambina. Fa grandi sogni e ha talmente tante idee da non riuscire a contenerle.

Non si ferma mai, ma una cosa ha deciso di "fermare nel tempo" prima che le onde la portino via: la sabbia e le sue forme.


Elemento naturale al quale è da sempre legata, Marina inizia a fare castelli di sabbia quando è piccola. Cresce e non smette. Cresce ancora e inizia a chiedersi perché i suoi castelli incantati dovessero sempre essere spazzati via con un colpo di vento.

É allora che inizia a pensare a come renderli immortali, a come trasformare le sue sculture di sabbia in vere e proprie opere d'arte.


Inizia a capire che deve lavare la sabbia per renderla pura, più è più volte. Poi trova un modo per fissarla e sperimenta la tecnica a spruzzo di colle speciali.
Nessuno le dice come fare e lei ha solo studiato da un pittore...

Lo speciale lavaggio della sabbia
Marina è l'unica al mondo a realizzare opere di questo genere.

Le sue sembrano bambole ed è incredibile quanto ricordino sempre molto i suoi stessi lineamenti, il suo stesso candore. É come se Marina si guardasse allo specchio e si ritraesse sulla sabbia.

L'arte di Marina Rapone
Marina è anche una performer, una fotografa e una parrucchiera. Una persona da incontrare.

Presto a Roma con una speciale performance live.

Le opere, i pensieri e le giornate di Marina Rapone



Come avere capelli perfetti può aiutare a liberare la tua forza: il video racconto di Garnier Fructis

Quante volte ci siamo frenate tenendo dentro il meglio di noi stesse? Le nostre idee, la nostra personalità, tutta la forza che abbiamo dentro? Questa la riflessione che mi ha spinto a fare Garnier Fructis, con un invito: quello di esprimere tutti i giorni la propria forza interiore.

Ho pensato immediatamente al confronto con gli altri e a tutte le volte in cui decidevo, per timore o quieto vivere, di lasciare la mia voce e le mie idee in un angolo. E' forse capitato anche a voi? Magari ogni volta che avete sentite un altro più forte di voi?

Può capitare che pensiamo e ripensiamo alla nostra idea e finiamo con il ritenerla talmente poco brillante da considerarla sciocca o banale, accantonandola. 

In quei momenti riponiamo la nostra forza.

Magari, invece, quell'idea era geniale. E anche se non lo fosse stata, ho appreso con il tempo che la personalità di ciascuno di noi è speciale e per questo merita di essere scoperta, accarezzata, stimolata e rafforzata.

Il mio personale concetto di forza interiore? Le mie idee, che non accantono mai. Le prendo in considerazione sempre, una per una, le analizzo, le strutturo, le condivido, senza paura. E poi trovo alleati.

Gli altri: la scintilla necessaria affinché un'idea non rimanga tale, affinché più forze, più teste, più cuori si sintonizzino e lavorino insieme per piccole e grandi imprese quotidiane.

Questa la forza che io vi invito a liberare, la forza delle vostre idee. Io credo tantissimo in loro e il successo è stata per me una diretta conseguenza: la fiducia.

Abbiate fiducia in voi stessi e se ne siete carenti iniziate a prendervi cura di voi finché non sarete fiere. Come? Ecco i miei piccoli consigli:

Nutrite la vostra mente

  1. Svegliatevi mezz'ora prima e leggete. Fatelo anche prima di cena evitando televisione e smartphone. Prendetevi del tempo per scegliere con attenzione i libri che vi ispirano: potrebbero ispirarvi veramente e cambiare il corso delle vostre giornate!
  2. Chiedete, siate curiosi. Datevi come obiettivo quello di scambiare una chiacchiera almeno con uno sconosciuto al giorno. Il giornalaio, per esempio, mi racconta sempre un sacco di cose interessanti sull'andamento dell'editoria, anche se lui non lo sa!
  3. Comprate una lavagna: trasformate un'intera parete, una porta interna, o inseritela all'interno di una grande cornice: nessun'idea vi scapperà più e visualizzarle vi aiuterà!


Prendetevi cura del vostro aspetto
  1. Anche se rimanete in casa mettete sempre una crema idratante, un filo di matita o (in alternativa) un po' di mascara. 
  2. Buttate via tutti i capi che non vi fanno sentire belle. Quelli troppo larghi e quelli troppo stretti. Leggete il mio articolo sui 10 capi da avere nell'armadio e poi... rinnovate!
  3. Curate i vostri capelli e acconciateli tutti i giorni in modo originale: questo contribuirà a farvi sentire sempre diverse e affascinanti. Se li trovate diradati, spenti e deboli, provate Garnier Fructis - Rigenera Forza, una nuova linea che si compone di shampoo, balsamo, maschera e lozione (la vera novità) che, applicata tutti i giorni sul cuoio capelluto, stimola il rinnovamento capillare rendendo la chioma più folta già dopo tre mesi. Io utilizzo da sempre le loro linee, ma questa sembra proprio pensata per me e il mio post gravidanza. La sua essenza fruttata (che riesco a sentirmi addosso tutto il giorno) e la lozione "magica" mi sta davvero regalando una bellissima sensazione quest'estate: capelli più folti che mai! 

Inutile dirvi che vedervi belle vi aiuterà a cambiare la percezione che gli altri hanno di voi. Sarà così che si innescherà un circolo virtuoso per cui più complimenti riceverete più la vostra autostima crescerà e più continuerete a mostrarvi agli altri belle, sicure e forti.

Se non mi credete guardate questo video interattivo e premete il tasto F (come Forza) per vedere quanta differenza fanno i capelli di questa donna!


Non dimentichiamocelo più: #liberalatuaforza


FRUCTIS LIBERA LA TUA FORZA

mercoledì 22 luglio 2015

Elio Fiorucci ci lascia con l'amore

Elio Fiorucci muore il 20 Luglio 2015 a 80 anni. 

Rivoluzionario del costume degli anni '70, ha avuto grandissimo successo con il marchio che portava il suo cognome fino al 2003, anno in cui dovette cedere il suo ultimo grande store milanese agli svedesi di H&M. 
Store Fiorucci Milano
Ricordo che da adolescente i miei viaggi milanesi non potevano dirsi conclusi se non con una tappa nel suo store: una volta al suo interno avevo sempre la sensazione di essere in una città cosmopolita, diversa, innovativa. Un concept store il suo che vendeva talmente tante cose, tutte colorate e, a volte, deliziosamente inutili, che uscire senza aver comprato qualcosa era praticamente impossibile.

Eppure è sparito e la gente si è semplicemente abituata ad altro.

Elio Fiorucci con Ludmilla Radchenko - Love Therapy
La foto che lo ritrae rappresenta bene lo spirito di Elio Fiorucci che ha continuato a vivere grazie a ‎Love Therapy, uno dei suoi ultimi progetti, grazie al quale ha proposto capi d'abbigliamento e accessori che esprimessero gioia, decidendo di proseguire la sua rivoluzione d'amore iniziata tanti anni prima.

Io ho continuato a seguirlo con Baby Angel, linea d'abbigliamento realizzata e prodotta in collaborazione con Oviesse a partire dal 2005, attraverso la quale Elio Fiorucci ha proposto la sua idea di moda vivace, femminile, romantica e, soprattutto, accessibile.

Adoravo il modo in cui i suoi capi mi facevano sentire: leggera e spensierata.



È con Love Therapy che Elio Fiorucci viene ricordato. Ci lascia solo dopo aver fatto di tutto per trasmetterci i suoi "valori essenziali", grazie a una moda pensata nella forma e nei colori per infondere ottimismo. 

Intorno alle "cose" ha costruito un luogo affettuoso, luminoso e colorato, un rifugio da strade e giornate troppo trafficate,  da storie tristi per anime sognanti e cuori liberi.

Ciao Elio.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...