giovedì 29 maggio 2014

Mostre di moda a Roma: ci pensano Gattinoni e Accademia Italiana

"Io non so se sono indispensabile a questo mondo, ma senz'altro so di essere io ad aver bisogno di stare in questo mondo". È così che risponde Andrea, 21 anni, studente del corso di Fashion Design dell'Accademia Italiana a Roma quando gli viene chiesto se e perché il suo contributo personale potesse essere importante per il futuro del mondo della moda.

Aveva iniziato con un timido "non so", per poi stupire, subito dopo, con una disarmante espressione della sua anima.

Ed è così che mi son parsi gli studenti di questa prestigiosa Accademia di Moda: timidi e impacciati solo in apparenza, risoluti e capa tosta nella sostanza. Lo conferma Stefano Dominella, Presidente di Gattinoni Couture, quando asserisce quanto sia praticamente impossibile fargli cambiare idea. Lo fa durante la conferenza stampa svoltasi questa mattina per la presentazione di un progetto interdisciplinare che ha coinvolto gli studenti di moda, design e gioiello. Il progetto si è naturalmente trasformato in una elegante mostra che rimarrà aperta al pubblico dal 29 maggio al 25 luglio 2014 dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 19.00.

Sfida del progetto dopo un semestre di studio e duro lavoro: reinventare lo Stile Gattinoni realizzando abiti e gioielli ispirati ai quattro periodi storici più significativi della Maison, riscoprendo le tracce che il passato ha lasciato nella vita del celebre atelier romano. 


Dagli anni '50, quelli della Dolce Vita e quelli in cui è nata la griffe attraverso il talento della fondatrice Fernanda Gattinoni, agli anni '60, quando in atelier c'erano ormai oltre 120 dipendenti e si lavorava per realizzare gli abiti di Audrey Hepburn del film Guerra e Pace che avrebbero ottenuto una nomination all'Oscar e lanciato lo stile Impero. 

Dagli anni '80, con l'arrivo di Raniero Gattinoni, figlio di Fernanda, che affianca l’Alta Moda al prêt-à-porter e la esporta in tutto il mondo; agli anni '90 con l'arrivo del direttore creativo Guillermo Mariotto e il suo estro che trasforma ogni sfilata in un vero e proprio spettacolo.

L’allestimento, interamente progettato e realizzato dal dipartimento di Interior Design dell’Accademia, si snoda in tutta la superficie della Sede dando origine a un percorso creativo denso di significati nella sua semplicità. 

I pochi mezzi messi a disposizione, infatti,  hanno dimostrato a tutti i presenti che quando esiste estro e passione, non c'è sempre bisogno di tessuti pregiati; a volte anche la carta può fare miracoli.

Lo stile Gattinoni reinventato dagli studenti dell'Accademia Italiana. Ispirazione Candy (anni '60).
Lo stile Gattinoni reinventato dagli studenti dell'Accademia Italiana. Microcouture: dagli anni '90 a oggi.


I ragazzi hanno saputo guardare oltre, inserendo elementi completamente nuovi: gli anni '60 sono diventati dolci e caramellosi, quelli odierni si sono lasciati contagiare da Tim Burton.

Lascio a voi la curiosità di andare a scoprire dove e perché c'è anche lo zampino di questo straordinario regista.

Potete visitare la mostra presso l'Accademia Italiana Arte Moda Design, Piazza della Radio 46, Roma



... Dimenticavo... ho un regalo per loro... immagino li renderà orgogliosi...


mercoledì 28 maggio 2014

Eventi Roma: fashion, beauty e arte da Federico Faragalli Hairstylist

Voi vi fidereste di questi tipetti qui? Bè, sicuramente hanno stile da vendere, che ne pensate?

Federico Faragalli Hairstylist and team
Qualche giorno fa sono stata a un evento. Forse la chiamerei più festa o, meglio ancora, incontro tra vecchi e nuovi amici. Sì perché Roma, se pur grande, ci riunisce tutti sotto uno stesso tetto: quello della sperimentazione, della voglia di fare, di divertirsi, di scegliere con cura le persone giuste, di respirare arte e moda fino a scoppiare.

Da sinistra Maria Katia Doria, Riccardo Onorato, io.
E siamo sempre noi, che ogni volta aggiungiamo un pezzo (che piacere aver incontrato dal vivo Imma Lazzaro e rivisto Roberta Costantino dopo una mia lezione) "riconoscendoci" tra simili.

Eravamo tutti nell’Hair Salon di Federico Faragalli, tra le opere d’arte digitale (realizzate interamente con Ipad) della psicologa Gloria Rovere, le sue consulenze sui colori che meglio si addicono alla nostra personalità e l'utilizzo degli Hair Chalk di L’Oréal Professionnel.


Hair Chalk L'Oréal
Interamente dedicato alle innumerevoli sfumature della Moda, dell’Hairstyling, del Corpo e dell’Arte, questo color party dalle mille sfumature,ci ha permesso di giocare con noi stessi e gli altri, scoprendo quella parte del proprio io... a colori. Noi... non potevamo certo tirarci indietro!

Riccardo Onorato (Guy Over Board non si fida di me...)
Blogger's Point of View sta tornando! Da sinistra Sabrina Musco, Martina Valerio, io, Riccardo Onorato.

Ph: Ilaria Morelli

martedì 27 maggio 2014

Diario della gravidanza: il terzo mese e le nausee

Arrivata al terzo mese di gravidanza, scopro di rientrare nella media: nausee costanti che si spera vadano via una volta concluso quello che sembra un mese interminabile. Ad alcune donne le nausee non vengono per nulla, alla maggior parte spariscono finito il terzo mese, alcune sfortunate saranno accompagnate da queste spiacevoli sensazioni per l'intero arco dei nove mesi. Io... penso positivo!

Il terzo mese di gravidanza va dalla ottava settimana + 6 giorni e termina alla tredicesima settimana + 1 giorno.



8 maggio: 10° settimana 

Quando desideri una cosa e arriva, non sempre é proprio quello che ci si aspetta. O forse, quando desideri una cosa così grande e speciale, non puoi essere troppo preparato a ciò che sarà.

Chi mi segue costantemente, avrà forse notato il mio lunghissimo silenzio, un silenzio che mi é pesato tanto, vuoi per il bisogno di dover giustificare, vuoi per il desiderio incontenibile di condividere con il mondo intero una cosa così bella.

Ma poi c'era la paura, la superstizione e uno strano bisogno di protezione.

Oggi, però, ho deciso di scrivere: arrivata alla decima settimana di gravidanza ho deciso di scrivere.

Ho pensato che potesse essere terapeutico, per me, rimasta bloccata e impantanata dalle nausee, dall'astenia, dalla sonnolenza. Ecco, insomma, io non sarei mai potuta essere una delle protagoniste di "Non sapevo di essere incinta", perché tutti i sintomi possibili e immaginabili... io ce li ho, compreso il blocco dello scrittore: forse la cosa che mi é più pesata.

Un blocco legato alla paura di non riuscire, già adesso, a fare tutte le cose che facevo prima, con la stessa energia e lo stesso desiderio di fare sempre di più.

All'improvviso tutto cambia. E sei felice e preoccupata allo stesso tempo. E hai bisogno di tante rassicurazioni, da tutte le mamme del mondo.


Adesso però ho scritto e, magari, il blocco é passato...

16 maggio: 11° settimana

La stanchezza non mi abbandona, il senso di non aver il controllo del mio corpo neanche. Non mi va di scrivere troppo, ma neanche di parlare solo delle cose belle: il terzo mese é proprio un mese da dimenticare!!
Ti innervosisci se qualcuno che ti é sempre accanto si dimentica di evitare di mettersi il profumo, se ti chiedono (con amorevolezza) cosa vuoi per cena e anche solo sentir parlare di cibo ti fa correre in bagno... di nuovo e di nuovo.

Spesso ho preferito dormire piuttosto che sentire nausea e fiacchezza costante, ma faccio come i carcerati: metto un po' di croci e conto così i giorni che passano e che (forse) mi separano dalla fine del calvario.
Unico vantaggio? Non ho ancora preso un etto, anzi, ne ho persi parecchi.

P.s. Ti vengono consigliati tanti rimedi anti nausea e anti vomito in gravidanza e io credo di averli provati tutti: dai braccialetti della farmacia, al limone, all'acqua frizzante, allo sgranocchiamento di carboidrati continuo. Personalmente posso dirvi che niente evita, tutto allevia o rimanda il momento. Bisogna solo portare pazienza.

Passo e chiudo.



27 maggio: ultimo giorno della 12°settimana

Mancano pochi giorni alla mia rinascita e io sento già che qualcosa sta cambiando. Ieri non ho vomitato per niente (quasi mai saltato un giorno) e oggi é quasi finito. Le energie stanno tornando e il sonno in eccesso sta scomparendo.
Allarme allarme: dicono che quando si smette di stare male si inizia ad avere una fame pazzesca!
Certo é che io dovrei pure recuperare tutto quello che non ho mangiato in questo periodo e quindi un po' sarei pure pure legittimata, ma la verità é che non sento una grande fame... Solo voglia di junk food (ma in piccole quantità): soliti carboidrati e dolcini (ma solo alcuni).

La mia spesa sembra quella di una bambina e acquisto cose mai mangiate o quasi dimenticate: caramelle fruttate e gommose (ho bisogno di sentire in bocca e a lungo il loro sapore dolce), patatine (mai comprate, giuro), wafers e coppa Malù, quintali di coppa Malù.
E poi pizza. Mangerei solo quella. Al momento sono vegana forzata: non riesco a mangiare carne e pesce... Chissà perché..

In attesa che torni a essere la girl di prima, passo e chiudo.

Vai al racconto del secondo mese di gravidanza o
Vai al racconto del quarto mese di gravidanza

lunedì 26 maggio 2014

Scarpe estate 2014: quali scelgo?

Se ci pensate bene, neanche quest'estate possiamo dire di essere a corto di scarpe. D'estate, si sa, le scarpe occupano meno spazio, costano meno rispetto alle pesanti scarpe invernali e questo, generalmente, ci spinge a comprarne, e quindi possederne, molte di più. In estate possiamo permetterci una collezione di colori e di forme che non può che metterci allegria!

scarpe e scarpe, scarpe 2014 estate,

Però.

Però c'è sempre qualcosa che ci manca. Sì, perché la novità è sempre in agguato e noi tendiamo a resistere non più di 15 giorni. Arriva inesorabile il momento in cui veniamo attratte dal richiamo delle vetrine, finché ci ritroviamo alla ricerca del nuovo modello che deve essere nostro.

Non vi preoccupate, il destino è comune a tante di noi :)

E allora, se siete curiose di sapere cosa non deve proprio mancare nella nostra collezione, continuate a leggere! Iniziamo dalle...

Espadrillas

Un must quest'estate! Le ricordo in adolescenza, ma avevano sempre un po' di zeppa e i lacci intorno alla caviglia. Erano decisamente femminili ma comodissime, anche se la suola in corda spesso perdeva qualche giro di boa.

espadrillas, estate 2014, scarpe 2014 estate, scarpe e scarpe


Quest'estate 2014 la moda le disegna senza tacco e le assimila quasi a quelle utilizzate dagli uomini. Per fortuna c'è chi le pensa anche in pizzo o all'uncinetto o chi, per lo meno, aggiunge qualche centimetro alla suola. A voi qualche proposta chic e low cost (scoprirete che H&M "fa le scarpe" a Valentino...).

espadrillas, estate 2014, scarpe 2014 estate, scarpe e scarpe

espadrillas, estate 2014, scarpe 2014 estate, scarpe e scarpe

Sandali

Intramontabili e indispensabili. Ultra-flat (anche detti Positano) per lunghe passeggiate al sapore di sale; alti, colorati o super stringati per stupire la sera. Attenzione: dicono che vadano di moda anche con il calzino... a vostro rischio e pericolo!

scarpe e scarpe, scarpe 2014 estate, scarpe 2014, sandali flat

scarpe e scarpe, scarpe 2014 estate, geox scarpe, scarpe 2014

Sneakers e stivaletti

Se invece oltre a star comode, non amate scoprire troppo il piede, due soluzioni: coloratissime sneakers (e slippers) o stivaletti estivi dai colori chiari e naturali. Entrambi con gli shorts funzionano a meraviglia! A voi gli ultimi spunti.

sneakers 2014, sneakers estate, scarpe 2014 estate, scarpe e scarpe

stivali estivi, estate 2014, scarpe 2014 estate, scarpe e scarpe

Quale modello arricchirà la vostra scarpiera?? 


lunedì 12 maggio 2014

Costumi Estate 2014: tutte le novità tra brand noti e nuove scoperte!

Avete già iniziato a sfogliare i cataloghi dei costumi di quest'Estate 2014? Io a Maggio divento impaziente e me ne servo per sentire la stagione calda meno lontana. Li colleziono e comincio a fantasticare: "questo costume lo sceglierei se mai dovessi fare una gita in barca, questo è perfetto in piscina, questo trikini è bellissimo, ma rovinerebbe l'abbronzatura...".

A volte capita di comprare costumi molto particolari che poi si preferisce non indossare troppo spesso perché poco comodi. Quest'anno ho cercato di tenerlo presente mentre selezionavo le proposte per voi: un occhio attento ai famosissimi costumi Calzedonia, Golden Point e Yamamay e un altro, un po' più ricercato, pronto a scovare nuovi marchi che scoprirete proseguendo nella lettura.

Iniziamo con gli amatissimi costumi Calzedonia. Il brand, come gli altri a seguire, strizza l'occhio a frange e ruches e ci porta in Brasile. Ricorrenti anche le stampe: righe colorate e un grazioso pied de poule bianco e rosso (in basso a sinistra).


costumi 2014, calzedonia, golden point, catalogo costumi, yamamay

Come non dare uno sguardo anche al catalogo ricchissimo dei costumi Golden Point, l'ultimo a uscire, presenziato ancora una volta della testimonial Federica Nargi. I dettagli più interessanti: un bikini, proposto in due fantasie, i cui triangoli si intrecciano dietro la schiena; un sexy balconcino dove le righe continuano a essere protagoniste e, infine, un costume intero impreziosito da un dettaglio al collo... davvero particolare!

costumi 2014, calzedonia, golden point, catalogo costumi, yamamay, federica nargi, testimonial, estate 2014


È la volta dei costumi Yamamay. Come potrete notare, neanche qui mancano triangoli con le frange e deliziosi monospalla arricchite da ruches sopra e sotto. Per chi ama il bianco e il nero (o i due colori insieme) ne ho selezionato uno (in basso a destra) meno micro di tanti altri, per chi volesse coprirsi... un po' di più!


costumi 2014, calzedonia, golden point, catalogo costumi, yamamay

Se però siete fra quelle che non amano ritrovarsi in spiaggia con lo stesso costume di qualcun altra, vi propongo due marchi che potrete acquistare on line e che difficilmente troverete indosso alla vostra vicina di ombrellone. Il primo si chiama Malai Beachwear, prodotto e distribuito a Miami. Troverete fantasie floreali, colori brillanti e delicatissimi, romantiche ruches o borchiette strong. Il tutto condito da un gusto e un garbo che ho trovato eccezionali!

costumi 2014, calzedonia, golden point, catalogo costumi, yamamay, malai beachwear

Infine una piacevole e nostalgica scoperta, un sito di shopping on line tutto dedicato al vintage: Rosegal. Tra deliziosi abitini, non potevano mancare le proposte di costumi anni '50 dalla vita altissima e sexy balconcini. Personalmente li trovo irresistibili, così come i prezzi (spesso non superano i 20 dollari)! In basso a sinistra ho selezionato per voi (sempre dallo stesso sito) un costume intero "salvaforme", perfetto per chi deve nascondere qualche difettuccio localizzato sul punto vita senza rinunciare al glamour! 

costumi 2014, calzedonia, golden point, catalogo costumi, yamamay, rosegal


Allora, dove ricadranno le vostre scelte quest'estate? 




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...