to top

Una vacanza in famiglia pensata per le esigenze di tutti e tre: si va a Chia!

chia laguna resort recensioni

Chia Laguna resort recensioni: se la mamma è “signorina”, il papà è super attivo e il cucciolo è incontenibile, dove si va? Ecco la storia del compromesso perfetto.

Da quando sono diventata mamma tantissime cose sono cambiate: il ritmo sonno veglia, quello del lavoro, il tempo per il riposo, quello per il gioco (un nuovo tempo), per le coccole, per mio marito. Anche il nostro modo di fare vacanza è cambiato: non è ancora tempo di tornare a fare gli esploratori con un cucciolo di due anni e mezzo, ecco perché abbiamo pensato a un’alternativa che potesse soddisfare tutti in egual modo.

Viaggio da “signorina”

Siamo una famiglia esigente? Forse io più di tutti. Quando vi ho raccontato la nostra vacanza a Favignana mi sono definita una “signorina” e, devo ammetterlo, in vacanza lo sono un po’.

Cosa intendo per questo?

Sono una grande lavoratrice, ma quando stacco ho imparato a prendermi del tempo di qualità. Riesco a rilassarmi completamente senza dover necessariamente fare qualcosa o pensare a come strutturare il tempo. Mi piace sentirmi coccolata, accolta con garbo, mi piace ascoltare storie e abbandonarmi agli usi e costumi del luogo.

Con lentezza ed entusiasmo. Due sostantivi che sembrano stonare insieme, eppure per me è così.

Poi, però ho anche un marito che, invece, ama fare: è il suo modo di sentirsi vivo e di godere del tempo per sé.

+ un cucciolo spericolato che ama chiacchierare e condividere il suo tempo, i suoi pensieri e i suoi giochi con quante più persone possibili.

A pensarci bene mi sembrano molto simili…

Allora esiste un luogo per accontentare tutti in vacanza – ci siamo chiesti?

Chia Laguna resort recensioni: ecco la nostra! Avevamo sentito parlare del rinomato Chia Laguna Resort, un complesso di strutture in grado di soddisfare tantissime esigente diverse: un Hotel 5 stelle pensato per le coppie, l’Hotel Village, pensato per i bambini e l’Hotel Baia recentemente ristrutturato, una via di mezzo fra i due caratterizzato da una grande fusione con la natura circostante, molto rilassante e riservato. Altre 34 camere sono disponibili anche all’Hotel Spazio Oasi, di cui, però, non so dirvi di più (naturalmente non siamo riusciti a visitare tutto il complesso, anche se avremmo voluto).

Ci siamo lasciati ingolosire dal fatto che:

  • il nostro cucciolo avrebbe incontrato tutti i giorni Masha e Orso e sarebbe stato intrattenuto come in nessun altro posto al mondo,
  • la spiaggia di Chia fosse stata eletta da Legambiente la spiaggia più bella d’Italia,
  • ci fosse una Natural Spa (per me!) e tanti ristoranti diversi,
  • ci fossero i fenicotteri rosa ♥,

… così abbiamo prenotato all’Hotel Village.

Chia Laguna resort recensioni, la nostra: da Cagliari per raggiungere Chialaguna abbiamo scelto di affidarci ai loro transfer (la distanza è di circa 55 km). Al nostro arrivo ci hanno accolto per un saluto il Direttore dell’Hotel Village e il capo animatore del mini club che ci ha consegnato un pass VIP speciale: quello per il nostro nanetto grazie al quale avrebbe potuto incontrare Masha e Orso anche fuori dal palco, persino per colazione! Ci siamo sentiti subito molto fortunati!

Chia a misura di bambino

Le nostre aspettative circa l’attenzione verso i bambini sono state soddisfatte: la prima sera tutti i bambini sono stati invitati a prender parte a una cena pensata esclusivamente per loro… in fondo al mare.
Ad accompagnarli squaletti, pesciolini rossi, cavallucci marini e sirene. I costumi degli animatori sono stati davvero degni di uno spettacolo di Broadway! Qualche giorno dopo ho scoperto che quelli erano solo una piccolissima parte dei costumi in loro possesso: ne posseggono oltre 3000 per bimbi di ogni età. Un’altra delle sere della settimana, infatti, è dedicata a un mega spettacolo fatto con i bimbi sul palco alle prese con l’organizzazione della festa di compleanno di Orso (che tenerezza vedere tutti quei cuccioli vestiti da animali del bosco, c’erano anche i fenicotteri rosa)!

Possono venire affidati alle loro mani i bambini dai 3 anni in poi. Il nostro aveva 2 anni e mezzo, ma lo abbiamo comunque accompagnato alla cena con gli altri bimbi rimanendo a guardarlo dietro i cespugli per assicurarci che stesse bene. È così che ho immortalato un granchio che cercava di consolare un bambino che era stato preso in giro da un coetaneo. Chissà come deve essere stato ricevere consigli e rassicurazioni da un granchio in persona…

Credo che per i bimbi più grandi debba essere il paese dei balocchi: ogni ora del giorno c’è qualche attività pensata per loro in grande. I giochi più strani e coinvolgenti che io abbia mai visto. La loro sala cinema, le loro speciali escursioni, i grandissimi castelli di sabbia sulla spiaggia.

E poi il ristorante dedicato a loro: si chiama semplicemente Bimbi Restaurant, sempre a tema Masha e Orso. È come mangiare dentro casa di Orso, tutto è pensato per loro, qualsiasi età loro abbiano: c’è dalla minestrina con l’omogeneizzato + seggiolone alle cotolette di pollo e patatine per i più golosi. Tutto senza sale, nel rispetto di chi preferisce evitare (non siamo noi!).

Chia Laguna resort recensioni: le spiagge

Fosse stato per il nostro bimbo non avremmo mai visto il mare: ha amato la piscina fatta su misura per lui (riusciva a toccare), ma nello stesso tempo gigantesca. Niente onde e tanti giochi da condividere con gli altri bambini. Il secondo giorno siamo comunque riusciti a convincerlo a seguirci e a salire sul trenino bianco e blu che ci avrebbe portato nella famosa spiaggia bianca di Chia in un batter di ciglia.

chia laguna resort recensioni spiagge

La chiamano “la spiaggia delle Dune di Campana” per via delle spettacolari dune sabbiose, in parte coperte da macchia mediterranea e ginepro, che la caratterizzano. Qui il bianco abbagliante di sabbia, che sembra farina, regala all’acqua un colore azzurro intenso dai riflessi cangianti. Davvero nulla da invidiare alle spiagge dei Tropici. E poi un chiosco con bar e un ristorante che ti serve (e ti segue) fino in spiaggia.
Accanto una laguna, dimora estiva di uccelli migratori tra cui numerosi fenicotteri (rosa).

Si dice che i fenicotteri si siano trovati talmente bene nella loro pausa viaggio, che abbiano deciso di rimanere in Sardegna. Ma voi sapevate che il colore rosa è dovuto al gamberetto rosa che mangiano di cui sono ghiotti? A quanto pare è lui che “li colora” ♥

Sport all’aria aperta

Io ho avuto modo di guardare il mare anche dall’alto grazie allo sport manager di Chia, Federico Procopio, che mi ha proposto una camminata speciale lungo i promontori che circondano il mare. Uno sport soft e piacevole, ripagato dalla vista incredibile del mare dall’alto. Una lunga chiacchierata (circa un’ora e mezza) con uno sportivo vero, uno che gareggia per vincere il titolo mondiale di Iron Man (che storia quella di questa competizione, la conoscete?!).

chia laguna resort recensioni half marathon

La natura ha reso la Sardegna un’incredibile palestra a cielo aperto dove poter alternare trekking, biking e arrampicata con rigeneranti nuotate e snorkeling nel mare più bello del Mediterraneo, sedute di acquagym o lunghe camminate nell’acqua bassissima.

Mio marito, invece, ha optato per lezioni di tennis, nuoto nella piscina semi olimpionica del vicinissimo hotel Baia e palestra.

Cucciolo ha agitato manine e piedini con la baby dance e ha battuto le mani a più non posso attendendo con ansia ogni sera l’arrivo di Masha.

Natural spa

Infine mi sono lasciata ammaliare, come dal canto delle sirene, dal richiamo della Spa e le sue campane tibetane. Tante piccole piscine idromassaggio esterne e interne e trattamenti speciali al sapore di Sardegna, come quello defaticante che ho fatto io al profumo di mirto.
Una sera a settimana l’ingresso all’intera SPA è eccezionalmente notturno per brindare in piscina sotto le stelle. Io e “papo” avevamo prenotato, ma il cucciolo aveva un appuntamento importante con Masha e abbiamo preferito stare con lui (ma su richiesta c’è anche un servizio baby sitting).

I ristoranti del Chia Laguna Resort

Non rimane che mangiare. Qualunque cosa voi desideriate è molto probabile che riuscirete a trovarla. Le proposte sono tantissime, i ristoranti almeno 5.
Io ho provato il Bouganville, riferimento dell’Hotel Village, con una vastissima offerta di carne, pesce, insalata, frutta e dolci a buffet, tantissime isole di sapore diverse e spettacoli di show cooking. Fabio dice di aver assaggiato il polipo più buono della sua vita (infatti ne ha presi 3 piatti!).

Il mio preferito, però, è stato senz’altro il WhiteLuna Restaurant, vuoi per un arredamento congeniale al mio stile (tutto bianco e turchese, i colori di Chia e del mare della Sardegna) vuoi per le proposte gourmet di carne e pesce rivisitate in chiave sarda.
Un ristorante che solo due anni fa era una discoteca tutt’altro che luminosa. Eppure scendi le scale e il bianco ti abbaglia e ti illumina. Ti accoglie subito anche lui, l’asino sardo blu, il #bludonkey, simbolo per eccellenza della Sardegna. Le lampade ricordano pesci, i cuscini pastello morbidi sassi colorati e tutto il resto è di un bianco candido davvero rilassante.
Mi sono vestita in tema per onorare un ristorante gourmet che ci ha accolti con la sua cucina mediterranea: pesce in Sardegna per me, sushi per mio marito e maloreddus al pomodoro per il piccolo maschietto di casa. Tutti accontentati e felici!

Abbiamo provato anche la Pergola all’interno del vicino Hotel Baia, molto simile al Bouganville, buffet leggermente più raffinato ma un po’ più piccolo.

Ci vediamo l’anno prossimo, anno in cui spero di arricchire ulteriormente questo articolo. Contiamo di tornarci e provare tutto quello che non abbiamo scoperto quest’anno.
Abbiamo conosciuto tante coppie giovani con figli come noi, ospiti fissi dell’Hotel e più propensi di noi, quindi, a esplorare.
Avrei voluto vedere Teulada, Pula, Cagliari stessa o Villa Simius, ma la #vitadivillaggio ci ha completamente risucchiati (e non lo avrei mai detto) e talmente tanto soddisfatti da non desiderare altro.

Se avete domande o curiosità sarò felice di potervi essere utile.

Potrebbe interessarti anche: Viaggiare con i bambini: cosa fanno le compagnia aeree e gli alberghi per loro?

Ida

  • Federica

    L’hai raccontata questa vacanza come se fosse una favola. Moltobello, brava!

    6 luglio 2017 at 9:45 Rispondi

Leave a Comment