to top

Cosa vedere ad Amsterdam (miniguida femminile)

A voi una guida utile, un po’ femminile, un po’ ironica, su tutto quello che dovete assolutamente sapere se state per andare ad Amsterdam.

 I canali di Amsterdam
Ad Amsterdam la bicicletta è il mezzo più usato, che piova o ci sia il sole. E non pensate che per questo si rinunci ad essere fashion! Non è raro incontrare cicliste che indossano con nonchalance gonne, tacchi alti e cappottini. Sempre senza guanti (temerarie!).
Le biciclette di Amsterdam
Attenzione! La bicicletta, qui, diventa pericolosa quanto una macchina. I ciclisti sono i padroni della strada e se sei a piedi, meglio stare attenti. Sono tanti i turisti che decidono di affittarla per provare l’ebbrezza e sentirsi parte integrante del luogo. Volete pedalare alla loro maniera? Allora, romanticamente in due, optate per la soluzione dove lui pedala e lei si accomoda (comoda) dietro, con le gambe da un lato.
Le biciclette di Amsterdam
Amsterdam è vintage chip: mercatini dell’antiquariato, dove le antichità sono vere antichità per cui lasciare la polvere è ok e accatastare le pellicce direttamente all’angolo del marciapiede si può.
Amsterdam è vintage chic: scovato un negozio che vende borse vintage Gucci, Hermes, Chanel e Louis Vuitton. Certo, vi do l’indirizzo: Gravenstraat, 19. Aperto dalle 13 alle 19.
Amsterdam vintage
Ad Amsterdam i piccioni hanno una certa personalità: non si spostano. Devi farlo tu!
Ad Amsterdam c’è chi vive in case galleggianti e c’è un posto, segnalatomi da una lettrice (grazie Luisa), dove fanno i pancake più buoni del mondo e dove è un piacere far visita al bagno. Dotato di: deodorante, assortimento di assorbenti, post it, penna e puntine. Smile 🙂
Dove mangiare ad Amsterdam: pancake!Amsterdam
Assolutamente da visitare il mercato galleggiante di fiori. La tentazione di portare a casa un bulbo di tulipano (nero per giunta) è troppo forte. Bloemenmarkt è piccolo ma i colori sono intensi e inebrianti. Lo trovate a: Singel 610-616.
Mercato di fiori Amsterdam
Oltre ai musei più battuti (Van Gogh, Anna Frank), Amsterdam nasconde altre chicche, come il museo delle borse, degli occhiali, del caffè del tè e l’ufficio dei gatti (presto un post dove vi racconterò la storia delle borse e vi mostrerò tutte le foto).
Il museo delle borse, aperto fino alle 17, si trova a Herengracht 573 (dietro la Rembrandtplein).
Museo delle borse Amsterdam
Il venerdì è doveroso un giro a Cuyp Market, un mercato estremamente variegato dove si trova veramente di tutto! Se siete amanti del vintage, andate nel vicino quartiere Pijp. Albert Cuypstraat, 1072.
Albert Cuyp Market Amsterda. Fonte: awesomeamsterdam.com
Si, lo so: Amsterdam è anche famosa per essere molto “libera”. Preparatevi a sentire odore di erba un po’ dappertutto e incontrare giovani ragazzi allegri. Come dimenticare il quartiere a luci rosse: merita una menzione speciale (molto vicino alla stazione centrale). Io ho messo gli occhiali da maestrina per guardare meglio: ce n’è un po’ per tutti i gusti, ma la maggior parte delle vetrine assomigliano a vere e proprio scatole di Barbie (solo ancora più svestite). Ve lo assicuro, non molto dissimili da questa foto (vietato fotografare quelle originali).
Quartiere a luci rosse Amsterdam
Prima di andare via, bisogna provare la famosa salsa olandese, utilizzata per ricoprire qualunque cosa, e degustare una birra per poco più di 1 euro nel famoso mulino a vento Brouwerij ‘t IJ che ha al suo interno un antico birrificio.
Adesso, si può tornare a casa 🙂

 

Ida

Leave a Comment