to top

Pre-loved On Tour tocca Alta ROMA. Charity e moda non sono mai stati così vicini

In tempi non sospetti, durante la mia permanenza a Londra, avevo promosso con forza la diffusione dei Charity shops anche in Italia, sostenendo il fatto che fosse un’idea intelligente da copiare. Spiegavo come nonostante la città di Londra sia una delle più care in Europa, esiste un modo alternativo per fare shopping senza spendere una follia, scovare veri affari e, nello stesso tempo, fare beneficenza.
I charity shops, letteralmente “negozi carità”, si sono moltiplicati a vista d’occhio nel Regno Unito dal 1941 in avanti, grazie alle continue donazioni da parte di aziende e privati e, soprattutto, grazie a clienti poco schizzinosi, felici di indossare un bel capo anche se è stato indossato da qualcun altro prima.
Mi dicono che in Italia sia più difficile diffondere a macchia d’olio questa filosofia. Mi dicono che i capi di seconda mano, se pur di Alta moda, rendano i più reticenti.

Io vi dico che quando ieri ho visto un paio di Alberto Guardiani indossate da Malika Ayane per uno dei suoi concerti, tutto ho pensato tranne che esprimere perplessità. Le ho messe subito ai piedi, fiera.
Oxfam Italia pre-loved tour Roma. Foto di Tiziana Borzì.

Oxfam Italia pre-loved tour Roma. Foto di Tiziana Borzì
Ecco dove sono stata ieri. E non ero a Londra, ma a Roma.
Oggi mi preme scrivere di Oxfam Italia, soprattutto perché vi rimane solo questa giornata (fino alle 19:30) per poter essere tra i fortunati che si porteranno a casa un paio di Loboutin, un vestito Missoni donato direttamente dalla creatrice o una Borsa Fendi. 
Oxfam Italia pre-loved tour Roma. Foto di Tiziana Borzì. 
Pre-loved tour. Seconda tappa a Roma. Carmina Campus.

Pre-loved tour. Seconda tappa a Roma. Carmina Campus.
Oxfam Italia infatti, grande confederazione mondiale che raccoglie fondi e lotta contro la povertà e l’ingiustizia, insieme a Marie ClairePrivateGriffe, ha ideato un tour itinerante di Temporarycharity shops per diffondere quanto più possibile le loro iniziative benefiche e raccogliere fondi.  
Gli abiti donati sono già stati amati e indossati in occasioni speciali, da qui il nome del tour pre-loved. Ora vengono RIutilizzati a scopo benefico. Un’iniziativa così lodevole e speciale non poteva non essere inserita nel calendario di AltaRoma e ospitata da uno store altrettanto speciale: Re(f)use, in via Fontanella Borghese, 40, negozio del marchio Carmina Campus, creato nel 2006 da Ilaria Venturini Fendi, per realizzare accessori e mobili attraverso il riciclo di materiali in disuso.
Il supporto e le donazioni sono arrivate da The circle, movimento di donne influenti della politica, del mondo dello spettacolo, dell’imprenditoria e dell’alta società, che hanno deciso di mettere a disposizione alcuni dei loro capi, oltre ai loro volti e alla loro voce, a favore di progetti umanitari che sostengono le donne più deboli nel mondo. Questo vi può dare un’idea del tipo di capi che potrete trovare: perle rare. Ed eccole le donne di The circle.
Le donne di The Circle (Annie Lennox, Isabella Ferrari). Fonte: Marie Claire

Fiorella Mannoia, Arianna D’Aloja e Vittoria Puccini. Fonte: Marie Claire

Maya Sansa, Simona Marchini, Valeria Golino, Warly Tomei e Maria Grazia Chiuri. Fonte: Marie Claire
Per chi è a Roma, oggi non si lasci sfuggire questa occasione. Avete tempo solo fino alle 19:30. E avete avuto modo anche di sbirciare tra i prezzi…. incredibili!

Per conoscere i dettagli delle prossime tappe vi basterà, invece, tenere d’occhio il sito: prelovedontour.

Ida

  • Greta Massimi

    purtroppo non sono a Roma! peccato

    9 luglio 2013 at 9:57 Rispondi
  • Antonella C'est moi

    hai ragione purtroppo in Italia c'è ancora un pochino di perplessità a riguardo ma credo che piano piano ci adatteremo anche noi!!!! i saldali sono bellissimi e peccato non essere a Roma per visitarlo!!! un bacio

    9 luglio 2013 at 10:49 Rispondi
  • Tiziana

    Condivido, forse manca ancora la cultura per apprezzare un capo dismesso.
    Viviamo nell'era dell'usa e getta, del "non metto la stessa cosa per due volte", dimenticandoci che ogni vestito può avere una storia che ne accresce il suo valore. Se poi tutto questo aiuta (come spero) davvero i meno fortunati becchiamo due piccioni con una fava: impariamo a dare valore alle cose e aiutiamo il prossimo. Per niente male! :))

    9 luglio 2013 at 10:53 Rispondi
  • Clizia

    Peccato…vado spesso a Roma 🙁 la trovo un'iniziativa fantastica 🙂 http://pescaralovesfashion.com/

    9 luglio 2013 at 11:37 Rispondi
  • Lisa

    Bellissima iniziativa sopratutto perchè ancora una volta la moda sostiene la solidarietà e questa volta possiamo essere proprio noi compratori a dare il nostro contributo!! E poi davanti ad un paio di Louboutin io non starei proprio a guardare se le ha già indossate Malika prima di me!!!!

    9 luglio 2013 at 11:53 Rispondi
  • The Fashion Commentator

    Sì vabbé ma questa è una pugnalata al cuore per chi non può esserci! Meno male non c'è la sezione maschile!!! ahahah
    Comunque ben vengano queste iniziative!
    Ciao a presto,
    Alessandro – The Fashion Commentator

    9 luglio 2013 at 12:58 Rispondi
  • Valeria Glamourday

    Una bella iniziativa, i capi sembrano molto belli
    🙂

    9 luglio 2013 at 14:26 Rispondi
  • Marika

    Veramente da ammirare queste iniziative.
    Ai vip non costa nulla donare qualcosa visto i soldi che hanno e forse a noi costerebbe qualcosina comprarle, ma se ci si riflette, si comprano tante cose inutili delle volte, mentre qui faremo un vero e proprio gesto di slidarietà.
    baci

    9 luglio 2013 at 15:44 Rispondi
  • Greta Miliani

    Mi è piaciuto un sacco scoprire questo progetto itinerante, non avevo idea della sua esistenza, ma sento di uscire dal tuo blog arricchita!
    Peccato esser così lontana perché quelle louboutin sono un sogno!!!
    Spero replichino l'iniziativa in città più vicine a dove abito!

    Greta ♡ In Moda Veritas

    9 luglio 2013 at 15:47 Rispondi
  • Rossella Padolino

    che bell'evento!

    9 luglio 2013 at 15:47 Rispondi
  • ElectroMode

    Bellissima questa iniziativa, praticamente riesce a mettere d'accordo tutti.
    Io penso che l'atteggiamento nei confronti dell'usato stia cambiando anche in Italia, diciamo solo che alcune volte forse i prezzi sono un po' troppo alti considerato per dei capi second hand.

    Alessia
    ElectroMode

    9 luglio 2013 at 15:53 Rispondi
  • Barbara Valentina Grimaldi

    quando la moda fa del bene non si può che approvare
    ♡ B.
    LOVEHANDMADE.ME
    Facebook page
    Fashion blogger Group

    9 luglio 2013 at 15:57 Rispondi
  • C. Pepe

    Io ci sarò 🙂 C, xoxo.
    Blog
    Facebook
    BlogLovin

    9 luglio 2013 at 16:21 Rispondi
  • the chilicool

    E' una bellissima iniziativa, peccato non essere a Roma!
    Alessia

    9 luglio 2013 at 17:02 Rispondi
  • Mimma ♥

    Noooooooooooo non dovevi dirmelooooo, uff volevo darci un occhiata anche io!

    9 luglio 2013 at 17:26 Rispondi
  • Carmelyta

    L'iniziativa è veramente da apprezzare e le scarpe son bellissime. Io spero che in Italia si sorvoli su questo preconcetto!

    Carmelyta'sRoom

    Pagina di Facebook : Carmelyta'sWorld

    9 luglio 2013 at 17:41 Rispondi
  • Dora Marotta

    Penso che davanti a questi capi cada qualsiasi perplessità! Mi davvero piacere che ultimamente il mondo della moda stia sostenendo molte di queste iniziative a scopo benefico, peccato solo non poter essere a Roma per questa occasione! 🙂

    Dora @ Dora Fashion Space

    9 luglio 2013 at 17:55 Rispondi
  • Valentina Coco

    9 luglio 2013 at 19:41 Rispondi
  • V and S (zuckerfrei).

    Io sono una super fan dell'usato ^^ Metà del mio armadio proviene dai mercatini dell'usato! Quindi non posso che apprezzare queste iniziative..e quante belle cosine che intravedo!!

    9 luglio 2013 at 23:24 Rispondi
  • Nunzia Cillo

    Ecco, perché in Puglia non ci sono mai queste iniziative? Io che vado a scovare i mercatini vintage e/o second hand non avrei assolutamente alcun problema nell'acquistare. Basta un giro in lavatrice o in lavanderia e tutto torna perfetto, pagato però a meno della metà del suo valore…e in questo caso per una buona causa! Chapeau!
    Nunzia ♡ ENTROPHIA.IT

    10 luglio 2013 at 0:15 Rispondi
  • Donatella Acampora

    Che meraviglia!!!! *.*
    Peccato che non sono di Roma, altrimenti non sarei mancata per nulla al mondo!!

    ♥ NEW POST: : Fashion Show Bikiniworld! / ♥ Facebook / ♥ Bloglovin

    10 luglio 2013 at 6:08 Rispondi
  • margherita quaranta

    peccato non averlo saputo con anticipo!

    10 luglio 2013 at 11:57 Rispondi
  • Syrious Roberto

    mamma mia quante belle foto!
    altaroma è sempre un evento cosi piacevole
    mi piacciono le scarpe
    xoxo
    Syriously in Fashion
    Official Facebook Page

    10 luglio 2013 at 17:49 Rispondi
  • lanciacoriandoli

    amo il vintage *_* e il vintage firmato è una cosa meravigliosa!

    Love&Studs

    11 luglio 2013 at 7:28 Rispondi
  • mary g

    ho letto il post troppo tardi ma comunque è stato interessante sapere di questa iniativa

    11 luglio 2013 at 21:34 Rispondi
  • ilaria miniussi

    Veramente stupenda questa iniziativa! Quando mi trasferirò a Londra andrò sicuramente a cercare questi charity shop, sono molto curiosa!
    Grazie della segnalazione 🙂

    12 luglio 2013 at 8:53 Rispondi
  • theslow catwalk

    Per fortuna qualche charity shop si trova anche in Italia (pochissimi in verità). Ce ne sono ben 2 a Venezia (Santi Apostoli e calle Spezier vicino a San Stae).
    E pensare che negli anni '90, grazie anche al grunge, le cose di seconda mano erano una normalità.
    Comunque adesso le cose si stanno ri-muovendo;)
    Grazie di tutte queste informazioni:)

    12 luglio 2013 at 9:13 Rispondi
  • Caterina Salvietti

    bella iniziativa!

    18 luglio 2013 at 10:07 Rispondi

Leave a Comment