to top

Beachwear, le regole per abbinare costumi e accessori da spiaggia

moda mare 2020

Abiti da spiaggia, caftani per il brunch e pareo sono accessori che si legano a doppio filo con il re della stagione estiva: il costume da mare. In relazione a quest’ultimo la scelta di modello, fantasia e stile rappresenta un esercizio di benessere, un’attività che è in grado di stimolare il buonumore e prepararci alla meritata e tanto attesa villeggiatura.

Stili e colori interpretano corporature e personalità

Animalier, anni ’80 oppure geometrico e fluo: orientarsi nella giungla delle infinite possibilità di combinazione per bikini, trikini e costumi interi non è semplice, perciò vi consiglio di farvi un’idea delle ultime tendenze con Flade.

Occorre innanzitutto tenere presente la propria corporatura, per mettere in evidenza o nascondere punti di forza e di debolezza del fisico. Inoltre, per un look impeccabile e da far girare la testa, è sempre bene abbinare il costume ad accessori must quali pareo e abiti da spiaggia ma anche pochette per le passeggiate in battigia.

moda mare 2020

Qualche esempio dal mio account Instagram @lestanzedellamoda

L’abbinamento ‘totale’ – quando la fantasia del costume è la stessa dell’abito da spiaggia – può essere carino, ma alla lunga stanca. Va bene farlo con un paio di modelli, magari un intero e un bikini (come nella foto centrale), poi è bene differenziare.

In spiaggia (quasi) tutto è concesso e la fantasia si intreccia volentieri con la creatività. La cosa migliore da fare è cercare nell’abito copricostume dettagli che riprendono lo stile o i colori (anche a contrasto) del costume. Le righe, per esempio, si sposano così con un look marinaresco, mentre le tinte forti possono ‘scontrarsi’ con il bianco e il pizzo può dialogare con tessuti fluo.

 

Moda mare 2020: pareo, caftani e shorts per definire il mood estivo e stupire

 

Il look da spiaggia è un po’ uno stile di vita, che ha attraversato le epoche e si è saputo plasmare in base ai diktat della moda nel corso degli anni. Se gli shorts sono sempre più sulla cresta dell’onda e si affermano come un vero e proprio must, spesso anche in città, il pareo sta vivendo una seconda vita dopo un boom di consensi fatto registrare negli anni Novanta.

Quest’ultimo deve essere rigorosamente abbinato al costume: il dettaglio di stile sta proprio nel ‘total look’. È perfetto anche per le passeggiate in battigia, durante le quali si sfoggiano mini pochette fluo o cestini di vimini per portare con sé telefono e altri oggetti indispensabili.

Se il lato B non è proprio da urlo il pareo saprà anche offrire un intrigante effetto vedo-non-vedo. Per quanto riguarda gli shorts, perfetti per la spiaggia e il relax al bar, c’è da dire che oltre a interpretare il mood dei mesi più caldi sono perfetti anche per andare a fare un aperitivo dell’ultimo minuto (magari adattando sopra il pareo con intrecci ad hoc).

I colori? Bianco, crema e nero con strappi per ‘dialogare’ con qualsiasi costume. Chemisier di lino e caftani, sempre più popolari, sono l’ideale per muoversi agevolmente in scooter e sugli scogli, oltre che per recarsi al brunch. Lacci e fiocchi, trasparenze, scolli generosi e spacchi laterali lasceranno intravedere il bikini o l’intero che – in genere – avrà colori a contrasto.

Io non vedo l’ora di scendere in spiaggia, e voi?

Ida

Leave a Comment