to top

Sara Tiara e i suoi copricapo made in London: splendide combinazioni.

London last week. Cammino per Portobello Road, decisamente annoiata dopo decine e decine di banchetti tutti uguali. Poi, sulla via del ritorno, vedo lei, mi era sfuggita!

Un’amazzone bionda, alta, magra. Un viso da attrice holliwodiana, con un look Westwoodiano. Una donna speciale, senza ombra di dubbio.

London. Last week. A walk down Portobello Road.
Bored out my mind after dozens of identical market stalls. Then, on the way
back, I spotted her… I must have missed her! A blonde amazon, tall and thin.
The face of a Hollywood actress, with the style of a Westwood. A special woman,
without a shadow of a doubt.

Si chiama Sara Colacicco (creatrice del marchio Sara Tiara), è inglese, ma, come è intuibile dal suo cognome, suo padre è italiano ed è per questo che riconosce subito il mio inglese italianizzato e cerca di parlare un timido italiano che dice di non ricordare più.
Decido subito di intervistarla.
Sara lavora nel design e nella moda da tutta la vita. Cresciuta in mezzo al frastuono degli oggetti d’antiquariato di Notting Hill, ha iniziato sulla famosa Portobello Road vendendo abiti d’epoca e cappotti ideati e realizzati da lei.

Dopo diversi anni decide di assecondare e mettere insieme le sue tre grandi passioni: la moda ecologica, i tessuti vintage ed i cappelli eleganti dal sapore squisitamente inglese. È così che inizia a creare headwear (cerchietti e cappelli) unici nel suo genere. 
Avendo accumulato una vasta gamma di materiali d’epoca, insieme a suo marito Pier, crea un atelier in un magazzino in Poole Quay, dove talentuose sarte iniziano a lavorare in squadra per realizzare a mano pezzo dopo pezzo.
La collezione presenta una serie sorprendente di pezzi unici, realizzati con tessuti insoliti e riciclati, tra cui tweed, cashmere, pizzi antichi, piume, gioielli retrò e perline.
I disegni di Sara sono stati creati per tutte le occasioni e tutte le personalità. Non solo matrimoni e Ascot dunque, molti pezzi possono essere indossati tutti i giorni per impreziosire e rendere unico un abbigliamento casual.
È incredibile come ogni headwear abbia una sua personalità, che sembra trovare la giusta corrispondenza nella personalità di un cliente. Mi piace guardare le persone mentre cercano e trovano il cappello giusto ” dice Sara.
Per me è stato decisamente amore a prima vista. Guardate un pò…

Her name is Sara Colacicco (founder of the Sara
Tiara label). She is English, but as you can guess from her surname, her father
is Italian and it is for this reason that she immediately recognizes my
Italianised English. She tries to talk to me in Italian in a shy voice,
claiming that she does not remember how to speak it anymore.
I decided immediately to interview her.
Sara has been working in design and fashion all
her life. Growing up in the midst of Nottinghill’s antiques, Sara began to sell hand-made and
individually designed vintage clothes on the famous Portobello Road.
After several years she decided to follow her
dreams and combine her three greatest passions: eco fashion, vintage fabrics
and exquisitely English, elegant hats. So just like that, she began to create
headwear (hats and hairbands), all individually made.
Having accumulated a wide range of vintage
materials, together with her husband Peter, she set up an atelier in a charming
old warehouse in Poole Quay where talented and artistic local milliners work as
a team to create each piece by hand.
The collection features an amazing series of
unique pieces, made with unusual fabrics and recycled materials, including
tweed, cashmere, antique lace, feathers, retro jewellery and beads.
Sara’s designs have been created for all kinds
of occasions and all types of people. Not only weddings and Ascot headwear then,
many pieces can be worn every day to enrich and add a sense of uniqueness to a
casual dress.
“It’s amazing how each individually made
headpiece has its own personality, which seems to find an appropriate match in
the personality of the customer. I love watching people find the right hat”, says
Sara.
It was definitely love at first sight for me. Take
a look…

Sarà che sono un amante dei cerchietti e dei cappelli, ma questa mi è sembrata una squisita  e originalissima combinazione.

Che ne pensate? Ma soprattutto mi interessa sapere: li indossereste in Italia senza problemi e con la stessa disinvoltura delle inglesi? È la mia sfida personale! 😉

Se non potete fare un salto a Londra, non disperate, da poco è possibile acquistare anche on-line! Questo il suo sito!

Maybe it is because I love headbands and hats,
but to me they seemed to be an exquisite and original combination.
What do you think? But most of all I want to
know – would you wear them in Italy without any problems and with the same ease
as the English? It’s my personal challenge! 😉
If you can’t organize a trip to London, do not
despair, you can now purchase them on-line! This is her website

Ida

  • Parola di Laura

    Li adoro! Non credo che li porterei facilmente ma li trovo originali e davvero belli!

    21 marzo 2013 at 18:50 Rispondi
  • Anonimo

    splendidi! li adoro complimenti

    8 luglio 2013 at 8:34 Rispondi

Leave a Comment